San Valentino, la festa degli innamorati!

san valentinoNon è solo il giorno per incontrarsi, guardarsi e piacersi, ma anche un’occasione per riflettere sul nostro linguaggio del corpo

è il suo sguardo a parlare per lei, e a lui io risponderò. No, sono troppo audace , non è a me che parla. Due più belle delle stelle del cielo devono essere state attirate altrove e hanno pregato gli occhi di lei di scintillare nelle loro orbite durante la loro assenza. E se davvero gli occhi di lei, gli occhi del suo volto, fossero stelle?” (W.Shakespeare, Romeo e Giuletta).

eppur tra mille la riconoscerei. Ella è lontana da me, e invano la cerca con l’occhio dell’anima il mio desiderio infinito”. (S. Kierkegaard, Diario di un seduttore).

Esistono momenti magici e voilà come un incantesimo scocca la scintilla dell’attrazione fisica e dell’amore!

In ambito sessuale è sufficiente talvolta per stimolare la fantasia e accrescere l’eccitazione una sola occhiata e un primo sguardo.

Sia gli uomini che le donne, indipendentemente dai canoni estetici, sono stimolati sessualmente dallo sguardo ed inoltre attraverso gli occhi reciprocamente si trasmettono messaggi. Ma anche se la comunicazione visiva è molto intensa e spesso uno sguardo è il primo segnale che si lancia all’altro, in ambito sessuale molto peso ha anche l’olfatto. Ricordiamo il ruolo che i feromoni rivestono ai fini dell’accoppiamento in tutte le specie animali. Anche l’uomo emette e percepisce alcuni odori che funzionano come richiami sessuali. L’olfatto li capta e invia l’impulso alle cellule cerebrali innescando il desiderio (se questo odore risulta gradito), e se risulta armonicamente associato all’immagine , allora  l’attrazione sarà fatale.

Mentre per gli animali i segnali del gioco amoroso sono chiari ed hanno un significato inequivocabile, sono cioè richiami per l’accoppiamento, per l’essere umano il discorso della seduzione diventa estremamente complesso. Essendo la seduzione un gioco fine a sé stesso. Le leggi della seduzione risentono della cultura ma nonostante cambino le regole del gioco amoroso, i rituali del corteggiamento, i luoghi, l’abbigliamento. Il processo seduttivo si innesca ogni volta che due persone si sentono attratte l’una dall’altra.

La seduzione è sia fisica che psichica

La capacità di attrarre a sé l’altro è tutt’uno con il saper coinvolgere ed il lasciarsi coinvolgere. Sedurre etimologicamente deriva dal latino se-ducere che significa portare, condurre a sé. Qual è il viaggio che proponiamo all’altro e che ci aspettiamo di percorrere insieme?

L’intesa passa attraverso il sottile linguaggio del corpo. Il corpo parla un linguaggio che una volta decifrato è molto più di un invito esplicito o di un complimento espresso verbalmente. Ecco qualche dritta interessante per San Valentino…

  • GUARDARE FISSO o essere oggetti di uno sguardo fisso è un segnale inequivocabile di interesse. Ciò significa che la persona attira tanto l’interesse che è impossibile distogliere l’attenzione. Chi sceglie questa modalità solitamente è una persona intraprendente, sicura, talvolta anche impaziente. E si aspetta che l’altra persona, lusingata di riscuotere tanto interesse, abbandoni presto le sue difese e ricambi lo sguardo.

 

  • STRIZZARE L’OCCHIO in un contesto sociale, è un gesto per attirare l’attenzione e un tentativo ambiguo di conquista. Da una parte è un gesto di complicità e di simpatia, e tale può restare. Se invece è interpretato come una manifestazione di desiderio, può incoraggiare l’altro a voler instaurare una relazione fondata più sulla attrazione che sulla amicizia.

 

  • ACCORCIARE LE DISTANZE e avvicinarsi a una persona a una distanza inferiore a 50 centimetri, rappresenta in modo chiaro e manifesto il desiderio di stabilire un contatto più intimo e meno superficiale. Infatti, al pari degli animali, uomini e donne, difendono inconsapevolmente il proprio “territorio personale”, stabilendo un confine immaginario ovvero la distanza interpersonale tra sé e gli altri per non essere invasi. Il comportamento di accorciare le distanze è usato da chi vuole privilegiare il canale olfattivo riservato a pochi, diversamente dal canale visivo riservato a tutti.

 

Il corpo, non solo a san Valentino ovviamente

Attraverso i movimenti anche inconsapevoli comunica molti messaggi legati alla attrazione immediata. Questi movimenti sono compiuti automaticamente e senza intenzione o consapevolezza. Si trattano di gesti sia femminili che maschili legati a controllare il proprio abbigliamento come ad esempio:

  • TIRARSI GIU’ LA GONNA, AGGIUSTARSI LA CAMICETTA, CONTROLLARE IL NODO DELLA CRAVATTA, TOCCARSI I POLSI della camicia, SISTEMARSI le maniche di un PULLOVER. Questi sono gesti che richiamano inconsciamente l’interesse del partner su quella parte del corpo che si tende a toccare. Freud sosteneva, infatti, a proposito della comunicazione analogica (comunicazione non verbale) che, quando le labbra tacciono, si parla con la punta delle dita.

 

  • TOCCARSI IL VISO, IL COLLO, I CAPELLI durante una conversazione e comunque tutti i possibili gesti che si possono compiere con le mani, testimoniano una disponibilità di aprirsi all’altro. Di sperimentare nuove emozioni e sensazioni.

 

  • I movimenti che riguardano le SMORFIE CON LA BOCCA come passarsi la lingua sulle labbra, mordicchiarsi il labbro inferiore, portare le labbra all’interno, protendere le labbra, il movimento rapido della lingua sul labbro inferiore o mordersi con gli incisivi superiori il labbro inferiore. Sono tutti movimenti inconsapevoli in cui si manifesta un gradimento intenso. La sottile somiglianza di questi gesti con un sorriso intendono comunicare una sensazione di felicità.

 

Nella sfera dei sentimenti e della sessualità la comunicazione con le parole può essere condizionata dalle proprie paure e condizionamenti. E allora per chi non vuole essere troppo audace o per chi soffre di timidezza, liberate l’energia, lasciate che il corpo si esprima con spontaneità e… sperate di essere ricambiate!

BUON SAN VALENTINO!

Note bibliografiche: Danilo Mainardi “La scelta sessuale dell’evoluzione della specie”, Boringhieri, Torino.

 

Dott.ssa Patrizia Pezzella
Psicologa, psicoterapeuta, perfezionata in Sessuologia clinica

Puoi contattare direttamente la dott.ssa Patrizia Pezzella
www.terapiasedutaunica.it
www.vaginismo.rm.it 

 

Take Home Message
San Valentino è un’occasione per riflettere sul nostro linguaggio del corpo. L’intesa passa attraverso il sottile linguaggio del corpo. Molto più di un invito esplicito o di un complimento espresso verbalmente. Ecco qualche dritta interessante per San Valentino (ma non solo).

Tempo di lettura: 1’

Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019

Voto medio utenti

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here